La finalità di questo programma è di “far vivere” la natura a tutti coloro che vogliono comprenderla e condividere con lei ogni sua sensazione con il solo scopo di ottenere da essa una costante conoscenza.

Dalla natura è possibile avere sostentamento alimentare, protezione per la notte, informazioni sul tempo e apprendere tecniche di vita primordiali utili anche alla persona che vive nelle grandi città: distinguere una pianta commestibile e medicinale, imparare a costruirsi un giaciglio, e trovare un posto idoneo per realizzare un bivacco, fabbricarsi utensili idonei per affrontare la vita quotidiana, pescare con le mani, intrecciare fibre vegetali per formare una corda, accendere un fuoco, disegnare una mappa topografica ed orientarsi con il sole e le stelle, superare ostacoli naturali, saper eseguire nodi e legature.

E’ per questi principi che riteniamo idonei alle nostre attività i giovani, in quanto la giovane età consente ai ragazzi di apprendere con facilità e divertimento.

Al nostro fianco affronteranno situazioni diverse, prive di pericolo, ma entusiasmanti e realistiche; sotto la guida di istruttori esperti impareranno a muoversi nella natura rispettando l’ambiente e imparando le tecniche elementari dei nostri antenati. In un ambiente sano apprenderanno il rispetto della natura e le enormi possibilità che questa offre ad ogni persona che è in grado di “ascoltarla ed osservarla”.

Il nostro progetto di Educazione ambientale nasce come proposta educativa che cerca di indirizzare il comportamento dei ragazzi verso l’ambiente, in una direzione volta alla consapevolezza dei problemi ed al rispetto.

Il nostro desiderio è che i ragazzi comprendano che rispettare la natura e mettere in pratica “piccole” accortezze (come il riciclaggio della carta), ci permetterà di pensare ad un futuro da vivere in un ambiente ancora pieno di bellezze paesaggistiche, senza dimenticare tutte le risorse che la natura potrà continuare ad offrirci, solo se tutelate e ripartite equamente tra tutti gli uomini.

Il nostro programma è strutturato in lezioni in sede ed escursioni e laboratori didattici.

Per quanto riguarda la metodologia impiegata, è bene indirizzare la proposta educativa prediligendo i lavori in gruppo, in modo tale da garantire una partecipazione attiva di tutti i ragazzi, al fine di stimolare la socializzazione e la condivisione dei programmi educativi.

Anche per le lezioni in classe, verrà utilizzato un metodo sperimentale, per poter imparare le nozioni attraverso le fasi di scoperta e osservazione dei fenomeni, formulazione delle ipotesi, sperimentazione, verifica e interpretazione dei risultati.

Il ruolo degli operatori è di fondamentale importanza perché gli argomenti andranno presentati in maniera differente in relazione alle varie fasce di età.

Tutti i nostri operatori, sono esperti che sentono il desiderio di condividere con i ragazzi la propria passione e sensibilità per i problemi ambientali.

Il progetto utilizza particolari strumenti per “imparare facendo”: schede didattiche, brain storming, giochi di ruolo, simulazioni, drammatizzazioni e lavori manuali attraverso i quali gli alunni saranno in condizione di partecipare da protagonisti all’attività, esprimendo ciò che pensano. Inoltre verrà posta attenzione ai giochi sensoriali svolti direttamente in natura, per stimolare un incontro emotivo verso l’ambiente in maniera insolita. In sede utilizzeremo diapositive e lucidi per favorire la discussione.

Al termine dei progetti, ci sarà uno spazio di tempo da dedicare ad una piccola verifica, da interpretare come una discussione finale su tutto ciò che è stato affrontato insieme.

Il corso può avere durata variabile ed essere svolto presso strutture ricettive individuate dalla Proloco.

I partecipanti devono disporre di equipaggiamento individuale costituito da:

- zaino medio

- mantellina o poncho

- borraccia con gavetta

- guanti da lavoro

 

Esempio di Corso di sopravvivenza per bambini articolato su 4 giorni

 

1° giorno:

briefing iniziale e controllo materiali ed equipaggiamenti

distribuzione materiali didattici

assemblaggio della scatola di sopravvivenza

cenni su orientamento

come realizzare un bussola

l’ orientamento notturno

breve percorso ad orientamento

 

 

2° giorno:

nodi e legature

come realizzare un giaciglio per la notte

accensione del fuoco e preparazione del pasto

l’acqua

la potabilizzazione

 

3° giorno:

superamento di ostacoli

segnalazioni di emergenza

regole di comportamento in natura

riconoscimento di piante commestibili e tracce

cenni sul primo soccorso e trasporto di un infortunato

 

4° giorno:

debriefing sulle lezioni svolte

test finale comprensivo di percorso ad orientamento con superamento di prove pratiche

consegna attestati

rientro in Sede.